La zootecnia e le sue conseguenze nel riscaldamento globale

il

Oggi voglio condividere con voi, un argomento che ho trattato durante la mia tesi di laurea triennale. Già nel 2006, diversi dati scientifici hanno mostrato il problema che oggi si sta discutendo: Il Riscaldamento Globale.
Secondo un’ indagine, Dupont et al., (2006), Il rapporto del 2006 dell’Organizzazione delle Nazioni Unite(ONU) sull’alimentazione e l’agricoltura giunge alla conclusione che la zootecnia destinata al consumo umano è una delle principali cause del riscaldamento globale! L’allevamento intensivo è responsabile del 65% delle emissioni di protossido d’azoto N2O, un gas che contribuisce all’effetto serra 296 volte di più rispetto alla CO2. Il metano emesso dalle vacche (che mal tollerano il mais) influisce ventitré volte più dell’anidre carbonica sul riscaldamento planetario, e si calcola che il 37% del metano mondiale proviene dai ruminanti. Il rapporto dell’ONU conclude infine che l’allevamento intensivo risulta fra le attività più nocive per le risorse idriche.

Allevamento intensivo
Allevamento intensivo

L’attuale e il futuro tenore di vita è associato ad un maggior consumo di carne e latticini. La produzione globale di carne dovrebbe più che raddoppiare entro il 2050, da 229 a 465 milioni di tonnellate, per soddisfare le esigenze della popolazione.
I vari studi esposti propongono diverse tecniche per ridurre i danni del bestiame, come il miglioramento dei mangimi e preferire gli allevamenti da pascolo . L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) suggerisce che, in aggiunta, questo effetto potrebbe essere diminuito se il consumo eccessivo di prodotti animali si abbasserebbe. Un indiano consuma una media di 5 kg di carne all’anno, contro i 123 kg per un americano.

Nel 1854, un capo indiano delle tribù Nord-Ovest disse: “Insegnate ai vostri figli ciò che noi abbiamo insegnato ai nostri, che la Terra è la madre di tutti. Sputare a terra è sputare a se stessi. La Terra non appartiene all’uomo, è l’uomo che appartiene alla Terra. Tutto è collegato, come il sangue che unisce una famiglia. Ciò che capita alla Terra, capita anche ai figli della Terra”.


Dott.ssa Chiara Scollo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...